• Redazione

LE RETI DI ALLEATI SONO IMPORTANTI NELLA LOTTA CONTRO OGNI TIPO DI PREGIUDIZIO

Nell’ambito delle nostre attività di ricerca applicata nel campo della comunicazione sociale che si muovono nel solco tracciato con i temi dei 17 obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, stiamo mettendo in campo le nostre esperienze professionali e di scopo sociale. In particolare nel campo della comunicazione sociale, supportata dalla produzione e distribuzione di storytelling cinematografici, televisivi e per i nuovi media creati allo scopo di impiegare il Cultural Placement nella Mediazione Culturale per l'Innovazione sociale e l'Educazione Civica, introducendo anche in campo sociale la tecnica dell’advertainment.


Il prossimo 4 Luglio partiranno le riprese del Film indipendente CIURE', che si inserisce nella Strategia nazionale LGBT, ed in coerenza con i Contenuti e gli obiettivi che intende perseguire l’Unione Europea con la Strategia “Union of Equality: LGBTIQ Equality Strategy 2020-2025” .


La partecipazione di Difesa Civile 4.0 nel pool di produzione ha lo scopo di inserire la nostra Associazione di Promozione Sociale nella Rete di Alleati esterni alla comunità LGBT.


Ma cosa è una Rete di Alleanza ad un movimento che rivendica i suoi Diritti?

Allo scopo, ci facciamo aiutare da un articolo pubblicato sul Financial Times che abbiamo tradotto ed adattato.


I movimenti degli Alleati etero possono aiutare a far avanzare i diritti LGBT

FINANCIAL TIMES

di Isabel Berwick

26/11/2017

https://www.ft.com/content/6eef8a22-8efa-11e7-9580-c651950d3672


Se oggi abbiamo familiarità con la marcia su Washington condotta da Martin Luther King nell'agosto del 1963, è perché fu lì che si tenne il suo famoso discorso "I have a dream".


Il punto di riferimento di quel movimento per i diritti civili degli Stati Uniti incarnava anche l'alleanza di coloro che non erano discriminati perché non erano membri della comunità dei neri americani, qualcosa che oggi è considerato vitale per altre campagne sui diritti umani, comprese quelle per i diritti LGBT.


Quando King ha pronunciato il suo discorso, stava parlando a una folla di 250.000 persone, principalmente afroamericane. Tuttavia, circa 95.000 di quei manifestanti erano bianchi. Questi alleati hanno contribuito a far passare il messaggio all'America bianca che il movimento per i diritti civili era una lotta di tutti.


Uno degli oratori quel giorno era un rabbino che aveva vissuto nella Germania nazista e che parlava della necessità di non restare a guardare.


Più di 50 anni dopo, le reti di alleati sono diventate un modo importante per le aziende di creare e diffondere l'accettazione dei diritti di lesbiche, gay, bisessuali e transgender sul posto di lavoro, e non solo.


Mentre oramai molte imprese hanno costituito reti LGBT ben consolidate per il benessere di tutto il loro personale, occupando di fatto un ruolo di supporto e di propaganda, le Reti Alleate sono un'idea più recente. Queste Reti Alleate sono di solito costituite da coloro che non si identificano come LGBT, o non sono membri di questa comunità. Le Reti Alleate e possono essere gestiti all'interno della rete LGBT o separatamente.


Vicky Hayden, capo dei programmi di appartenenza del settore privato al gruppo di campagna LGBT Stonewall, afferma che le reti di alleati sono varie: "Nonostante il dimostrarsi Alleato può mettere gli alleati in situazioni scomode, il modo per ogni individuo di dimostrarsi alleato è diverso: alcuni vogliono rendersi visibili partecipando alle sfilate del Pride e indossando spille arcobaleno, mentre altri si concentrano nel contrastare l'eliminazione dei commenti omofobici, bifobici e transfobici sul posto di lavoro”


Suli Hampson, che lavora nel settore bancario commerciale presso Lloyds Banking Group , è stata ispirata a diventare un'alleata quando dei suoi amici hanno fatto coming-out con lei dichiarandosi in privato omosessuali o lesbiche all'università: “Volevano dirlo alla gente in modo da poter dimostrare il loro vero sé. Non dimenticherò mai quelle conversazioni". La signora Hampson afferma che come alleata non ha mai dovuto intervenire per disinnescare situazioni spiacevoli, “siamo riusciti a cambiare le percezioni e la comprensione? Assolutamente si!” In paesi come la Russia, l'Alleanza può essere "il modo migliore per ottenere attenzione"


State Street , una società di servizi finanziari con sede a Boston, Massachusetts, ha istituito lo scorso anno il Global Ally Program, Kim Newell Chebator, il direttore amministrativo per l'Europa, il Medio Oriente e l'Africa della società , afferma che State Street ha incoraggiato i suoi dirigenti più anziani ad assumere i ruoli di Alleati: “I nostri valori e comportamenti sono guidati dai modelli dei ruoli che vediamo. Se sei in grado di guardare in alto e vedere [che] le persone in alto nella scala gerarchica ti supportano, è più probabile che tu ti renda conto del valore della tua differenza e ti fidi di accettare una sfida


Secondo un rapporto del 2014 della Human Rights Campaign, il bisogno di avere Alleati nella comunità LGBT è grande: il 35 per cento delle persone LGBT si è sentito “indotto a mentire sulla propria vita personale al lavoro”


L’Organizzazione Stonewall offre una guida aziendale per la creazione di gruppi di alleati e sottolinea che per i datori di lavoro globali "gli alleati offrono l'opportunità di aprire una conversazione sull'orientamento sessuale e l'identità di genere".

Ad esempio, dice Stonewall, in paesi come la Russia o l'India progetti di Alleanza possono essere "un modo migliore per ottenere trazione nel chiedere alle persone di fare coming-out senza problemi e dichiararsi parte di un gruppo LGBT"

Lloyds Banking Group, dove lavora l’Hampson, è stato nominato nel 2017 il principale datore di lavoro LGBT della Gran Bretagna da Stonewall. Con un'infrastruttura di alleati di lunga data che opera all'interno delle sue reti di personale.


Agli alleati viene offerta una vasta gamma di formazione e risorse, afferma Karin Cook, direttore delle operazioni del gruppo Lloyds.

Più di recente, afferma, l'azienda ha rilanciato le sue guide di sensibilizzazione su lesbiche, gay, bisessuali e transgender, "in modo che i colleghi acquisiscano familiarità con la terminologia chiave, vedano modelli di ruolo e comprendano le complessità dell'identità di genere".


Utilizzare reti di alleati e riunire colleghi di ogni provenienza, orientamento e identità è fondamentale per diffondere il messaggio.

Ora si inizia anche a discutere tra gli alleati per promuovere una più ampia comprensione dell'identità di genere e dei problemi che devono affrontare le persone rans: questo sarà un grande compito per loro.

La Cook afferma: "Quest'anno, uno dei momenti di cui sono più orgoglioso è venuto dalla nostra partecipazione a Sparkle, uno dei più grandi eventi Pride transgender al mondo, guidato principalmente da alleati sia all'interno che all'esterno della comunità LGBT+ (…) Più di 70 persone non LGBT di Lloyds si sono offerte volontarie, raccogliendo quasi la metà dei fondi della giornata.Ci sono stata anch'io, e ho visto quanto le persone si preoccupassero, quanto le persone imparassero e quanto si impegnassero e nel creare un ambiente più aperto ed accogliente".

57 visualizzazioni
Post in evidenza
Post recenti