top of page
  • Redazione

Il pericolo di cadere nella rete dei trafficanti sessuali

30 nov 2022

Secondo l'Alto Commissariato per i Rifugiati (UNHCR). 8,3 milioni di ucraini sono fuggiti dalla guerra dall'inizio del conflitto nel febbraio 2022 e l'80% di loro sono donne che rischiano di cadere nella rete dei trafficanti.


Durante le discussioni al Parlamento europeo di martedì 29 novembre, parlamentari, ONG e membri della società civile hanno avvertito dell'aumento delle reti di sfruttamento sessuale dei rifugiati ucraini su Internet.

Secondo gli ultimi dati dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) circa 8,3 milioni di ucraini sono fuggiti dal loro paese dall'invasione dell'Ucraina da parte della Russia nel febbraio 202 … e l'80% di loro sono donne; "il 65% del traffico di esseri umani riguarda le donne, generalmente a scopo di sfruttamento sessuale", ha ricordato durante l'audizione Jo-Anne Bishop, vicedirettore di UN Women Europe.


" Le donne e le ragazze affrontano difficoltà economiche e insicurezza fisica", ha continuato la signora Bishop, “e non avvertono il grande pericolo di finire nelle reti della prostituzione o nell'industria pornografica.

Un rischio che diventa maggiore in quanto i trafficanti reclutano sempre di più “tramite piattaforme online”, ha proseguito, il che rende più difficile il compito delle autorità preposte alla lotta alla tratta.

"Ci sono molti tentativi di reclutare donne e ragazze sui social media", ha spiegato Valiant Richey, dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), secondo cui "la tecnologia facilita la domanda". . . Tuttavia, il Digital Services Act - il DSA: il testo che regola le piattaforme online nell'UE - tace sul traffico di esseri umani . Richey si rammarica che sebbene l'esecutivo europeo abbia avuto "reazioni forti" per proteggere i profughi dai trafficanti, "i testi attuali non coprono gli scenari attuali.


L'UE vuole rafforzare la lotta contro la tratta di esseri umani per i rifugiati ucraini, questi accolti in molti paesi europei, rischiano di cadere preda dei trafficanti di esseri umani.

La tratta delle vittime ucraine è già ben consolidata e le reti criminali operano tra l'Ucraina e i paesi dell'Europa e dell'Asia centrale. Lo scorso marzo, la Commissione ha riferito che prima della guerra gli ucraini erano tra le vittime più comuni della tratta all'interno dell'UE.

I dati dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) mostrano che nel 2018 vittime ucraine sono state trafficate in 29 paesi. Più della metà sono stati identificati in Russia e un quarto in Polonia, il Paese che ha accolto il maggior numero di profughi dall'inizio della guerra.

Biedron ha precisato di aver insistito con Europol per aumentare lo scambio di informazioni al fine di proteggere meglio le donne ucraine.


Dall'inizio del conflitto, secondo l'agenzia di stampa Reuters, gli stupri delle donne ucraine sono aumentati del 260%. Il direttore di UN Women's Europe ha invitato l'UE a intensificare la sua lotta contro la tratta di esseri umani, sostenendo le organizzazioni di protezione delle donne sul campo.

“Si tratta di elementi importanti della strategia contro la tratta ”, ha sottolineato, prima di chiedere anche il finanziamento di strutture dedicate alle donne vittime di violenza.


Sfruttamento sul lavoro

Oltre allo sfruttamento sessuale, le associazioni hanno messo in guardia gli eurodeputati contro un'altra forma di sfruttamento sulle reti: lo sfruttamento nel mondo del lavoro. Legalmente, gli ucraini hanno il diritto di lavorare all'interno dell'UE, grazie alla direttiva sulla protezione temporanea attivata all'inizio del conflitto. Ma "alcune persone si trovano in un circuito informale", ha avvertito Suzanne Hoff, della Piattaforma per la cooperazione internazionale sui migranti irregolari (PICUM), citando l'esempio delle donne delle pulizie. L'urgenza della situazione e la barriera linguistica a volte costringono i rifugiati ad accettare lavori non dichiarati e sottopagati.


Le autorità anti-tratta hanno quindi chiesto all'UE di contrastare lo sfruttamento dei rifugiati e di estendere la direttiva UE a tutti gli altri rifugiati, compresi afgani e bielorussi. Perché se la direttiva sulla protezione temporanea ha permesso di ridurre la “vulnerabilità” dei profughi ucraini, ci sono ancora “vuoti” e “abusi”, ha riassunto la Hoff.

“I gruppi sono esclusi dalla direttiva temporanea”, ha confermato Conny Rijken, membro del Gruppo di esperti sull'azione contro la tratta di esseri umani (GRETA).


La Commissione europea afferma di prendere molto sul serio l'argomento. Gli agenti di polizia, le autorità giudiziarie e i membri della società civile hanno ricevuto una formazione specifica per sostenere meglio le vittime. Che si tratti di sfruttamento sessuale o di sfruttamento del lavoro, è necessario un approccio "a tutto campo", ha affermato durante l'audizione Diane Schmitt, coordinatrice europea per la lotta alla tratta di esseri umani.


tradotto ed adattato da Clara Bauer-Babef | EURACTIV France

https://www.euractiv.fr/section/sante-modes-de-vie/news/trafic-detres-humains-les-refugies-ukrainiens-dans-le-piege-des-petites-annonces-en-ligne/?_ga=2.244467523.75851527.1671751747-627745101.1671751747


29 visualizzazioni
Post in evidenza
Post recenti