Synthespian

Un Synthespian è un essere virtuale creato in digitale al quale si danno sembianze e voce umane. 
Un essere umano virtuale che riproduce le sembianze e la voce di una persona reale ancora in vita, oppure scomparso, prende il nome di Clone Digitale o Digital Double


Il Clone digitale di una personaggio celebre nel mondo dello spettacolo, dello Sport, nell'Arte, nella Scienza, nella Storia, prende il nome di Celebrità Virtuale. 

I Synthespians (Cloni Digitali) vengono creati impiegando tecniche e tecnologie per la Computer Graphics Imagery 3d per la generazione di immagini tridimensionali e di animazione digitale per riprodurre i movimenti, e sistemi informatici per la manipolazione e la creazione del suono per simulare (o riprodurre) la voce umana.

 ​

I primi effettivi impieghi di Synthespians sono ricondotti all'Industria dei Contenuti per l'intrattenimento dove la loro apparizione viene citata nella recente storia del cinema digitale.

Nel 1987, sono  stati  digitalmente clonati  Marylin Monroe e Hunphrey Bogart, i cui Synthespian vennero impiegati a livello sperimentale per le prime e timide prove di recitazione digitale. 

Con il progressivo sviluppo delle tecniche e delle tecnologie creative ed un esponenziale incremento delle capacità di calcolo digitale, questi necessari alla produzione di effetti visivi digitali sempre più sofisticati, si sono succedute negli anni a seguire realizzazioni di Synthespians sempre più realistici. Un esempio sono i cloni digitali di Brad Pitt nel film  Il Curioso caso di Benjamin Button, nel 2008, e due anni dopo quello di  Jeff Bridges nel film Tron 2 Legacy. 

La data del 22 agosto 2009 segna il momento in cui per la prima volta viene impiegato un Synthespian, sebbene di sembianze umane immaginarie (in inglese: like-not human), nell'intrattenimento cosiddetto live, dal vivo, cioè su uno stage di fronte ad un pubblico pagante. Al Saitama Super Arena, Giappone, si esibisce la cyberstar Hatsune Miku, nel suo primo concerto ballando e cantando con voce  sintetica prodotta con un sofisticato sistema Yamaha davanti 25.000 spettatori. 

Nel 2012 l'ulteriore sviluppo dell'industria dei contenuti digitali, consente la riproduzione digitale di esseri umani dalle sembianze quasi indistinguibili dalle immagini di esseri umani reali. 

Inizia l'era dei Synthespians like-human, cioè di modelli digitali dalle sembianze umane estremamente foto-realistiche. Tali da poter essere impiegati in performance dal vivo, in formato olografico, capaci di interagire con artisti e musicisti viventi sui palchi in maniera indistinguibile dal pubblico. 

Si avvia così l'era  live show digital entertainment realizzato con la cosiddetta digital resurrection di celebrità storiche dello spettacolo. 

Il rapper Tupac Shakur, assassinato nel 1996,  è stata la prima Celebrità riportata digitalmente in vita da Digital Domain (la società di produzione di cinema digitale fondata dal regista James Cameron) che è stata fatta esibire nel corso di un concerto. Il Synthespian di Tupac ha cantato di nuovo per i suoi fans  in formato olografico nel 2012 sullo stage del festival rock di Coachella, USA. 

Pochi mesi dopo un'altra società specializzata nel cinema digitale, Rebel Alliance, dopo un'esperienza digitale eseguita per il management dei Pink Floyd nel tour mondiale degli Aussi Pink Floyd, è protagonista, questa volta in Brasile, della resurrezione digitale del secondo artista del mondo della musica rock. Prima a San Paolo e poi sulla spiaggia di Ipanema, Rio de Janeiro, l'Ologramma di Cazuza  deceduto nel 1990 è apparso di fronte al tripudio di pubblico di suoi 70.000 fans, cantando e duettando con gli artisti viventi della sua storica band per 20 minuti.     

E' da quegli anni che si avvia dunque il digital live show business. Sia con artisti ancora viventi che si sono fatti clonare digitalmente con un body scanner come ad esempio Madonna o gli Abba, sia con artisti deceduti come ad esempio Michael Jackson, Billie Holliday, Elvis Presley, Kurt Cobain, Jimi Hendrix e Whitney Houston. Sempre nel mondo della musica rock e di genere Rebel Alliance ha già pronti i Synthespian di Pino Daniele e della famosa star egiziana Umm Kalthum.     

Con la produzione del film Avatar di James Cameron,  il cinema digitale vede per la prima volta la completa commistione tecnologica tra l’industria del videogame e quella del cinema. 
Per la produzione di questo film sono state impiegate nuove e rivoluzionarie applicazioni tecnologiche per il controllo in tempo reale delle performance attoriali di Synthespians inserite in set virtuali. Ciò ha consentendo di avviare la ricerca applicata anche nel segmento del live-entertainment che consentirà in un prossimo futuro d'impiegare le Celebrità Virtuali sugli stage facendoli interagire in tempo reale con il pubblico. Mentre la potenza di calcolo ancora più performante dei computer abbinata allo svilupp di nuovi software di rendering delle immagini generate al computer consentirà di diminuire giorno per giorno l'unico problema non ancora completamente risolto nella creazione di cloni digitali, il cosiddetto effetto zombie nello sguardo. 

sezione in progress continuo